Il Paesaggio Meridiano nel Cinema Italiano Non-Fiction 1948-1968

Progetto di ricerca di Rilevante Interesse Nazionale, finanziato dal Ministero dell'Università e della Ricerca

Lo spazio dell’evasione. La rappresentazione del Sud Italia nel cinema non-fiction tra ’48 e ’68

Forme della spazialità. Convegno internazionale a cura di Luca Bandirali, Antioco Floris e Marco Gargiulo

26

Agosto
    Data

    25/08/2021 - 26/08/2021

L'intervento intende esplorare il modo in cui il paesaggio meridiano viene rappresentato attraverso un’apparente contraddizione: da un lato rappresenta il luogo di evasione dalla vita moderna, dall’altro proprio lo sviluppo turistico di quegli anni colloca il Sud e la rappresentazione del paesaggio del Sud in una peculiare forma di modernità. Inoltre l’intervento intende leggere queste produzioni a partire dal binomio concettuale mare-terra, con lo scopo di decostruire il modo in cui queste due dimensioni paesaggistiche e spaziali per certi versi contrapposti trovino, in alcuni casi, una forma di ricomposta unità, sulla quale si fonda proprio l’immagine del Sud quale luogo edenico, spazio dell’evasione.